Installazione

Il processo di installazione di Gnujiko è molto snello, richiede solo alcuni dati essenziali per connettersi a un database e poter creare e modificare file e cartelle.

Dopo aver scelto e installato il vostro web server, nel caso intendete installare Gnujiko sul vostro pc in ufficio, dovete creare una sotto-cartella (potete scegliere il nome che volete, Es: gnujiko/ , oppure gestionale/) all‘interno della cartella www del vostro web-server e scompattare li l‘archivio zip della vostra distribuzione di Gnujiko appena scaricata.

Ad esempio, se utilizzate AppServ 2.5.5 sotto Windows XP la cartella solitamente è C:/AppServ/www/, se invece utilizzate LAMP per Windows Vista / 7 di solito si trova in: C:/WAMP/www/, sotto Linux invece solitamente è /var/www/html/.

PS: Le cartelle www dei vari web-server sopracitati potrebbero cambiare di versione in versione, quindi consultate sempre la guida del vostro web-server per sapere su quale cartella corretta creare la sotto-directory per Gnujiko.

NOTE PER L‘INSTALLAZIONE SOTTO WAMP-SERVER
Per chi utilizza WampServer sotto Windows è necessario disabilitare gli errori dalla configurazione di PHP, attraverso il menù di Wamp che trovate anche nella tray (barra delle applicazioni a dx).

Se invece intendete installare Gnujiko su un server remoto che non è vostro, ad esempio se siete appoggiati da qualche provider o maintainer, come per i siti internet, ovviamente non dovete installare alcun web-server, l‘unica cosa che vi serve è solo un browser per navigare come Mozilla Firefox o Google Chrome (che sono gli unici browsers al momento compatibili), però dovete accertarvi che nel vostro dominio, nel vostro spazio, sia installata una versione di PHP 5 o superiore, sia installato un gestore di database MySQL e assicurarsi di avere un account abilitato per l‘accesso FTP. Procedete quindi a scompattare l‘archivio zip della vostra distribuzione di Gnujiko appena scaricata all‘interno della cartella che desiderate sul vostro dominio.

Ricordiamo che Gnujiko non è ancora pronto sotto il lato della sicurezza web, quindi sconsigliamo per il momento l‘installazione su server remoti pubblici in quanto potrebbe essere vulnerabile agli attacchi di malintenzionati. Consigliamo invece di installarlo su un vostro PC di casa o dell‘ufficio adeguatamente protetto da firewall.

Aprite Mozilla Firefox o Google Chrome e dirigetevi all‘indirizzo ove risiede la vostra copia di Gnujiko scompattata, per quelli che lo installano nel proprio pc sarà http://localhost/directory_di_gnujiko/ , per tutti gli altri indicare l‘URL del proprio dominio, es: http://www.miosito.it/ o l‘indirizzo IP del server remoto.

Seguire le indicazioni della procedura guidata. Qui sotto vi mostriamo le anteprime di tutte le fasi d‘intallazione.

 

Installer - Step 1-thumb  Installer - Step 2-thumb
La prima fase dell‘installazione è scegliere la lingua di sistema.
Non spaventatevi del pinguino sullo sfondo, è innocuo ve lo assicuro. 

 

  Fase successiva è la configurazione del database.
Installer - Step 3-thumb  Installer - Step 4-thumb
Se intendete installare Gnujiko su un server remoto è necessario specificare i parametri per l‘accesso FTP, altrimenti potete proseguire avanti saltando questo passaggio, ma in quest‘ultimo caso ricordatevi di impostare i permessi a tutti i file e cartelle di Gnujiko (se vi trovate sotto Linux), altrimenti se utilizzate Windows nella maggior parte dei casi non serve far nulla.
Nella maggior parte dei domini, come Aruba, NetSons, e altri, sul campo FTP CHMOD dovete impostare il valore 0755 e non 0777

 

  L‘utente root (di cui non è possibile cambiare il nome) è l‘amministratore in assoluto, quello che può fare tutto, dovete scegliere una password sicura e digitarla due volte.
Segue la creazione del primo utente, che a differenza degli altri utenti ha dei privilegi in più, per lui potete scegliere il nome che volete e assegnarli una password.
Installer - Step 5-thumb  Installer - Step 6-thumb
Se tutto è andato a buon fine il sistema procederà con l‘intallazione del database e la prima configurazione.
In base al tipo di distribuzione e alla potenza del vostro pc, questo procedimento può durare qualche secondo come alcuni minuti. Attendete pazientemente.
 

Complimenti, l‘installazione è stata completata!
Possiamo finalmente stappare la bottiglia di spumante presa al supermercato per l‘occasione, e se vi avanza qualche spiccio vi chiediamo un piccolo contributo, una donazione libera che verrà interamente destinata a questo progetto. Gnujiko è un software libero e rimarrà sempre tale, nessun canone o costi di licenza per un software in costante sviluppo, il tuo contributo è importante, ci permette di coprire le spese di gestione, non ti chiediamo una cifra fissa, decidi tu in base alle tue disponibilità.
Grazie per aver scelto il nostro software.


Lo staff di Alpatech mediaware.